Ridere è una questione seria, soprattutto sul lavoro…e su Linkedin, la piattaforma per professionisti in cui sbarca la nuova “funny” reaction.

Linkedin ha deciso di dare ascolto alle orde di utenti che da diverso tempo chiedevano a gran voce una reaction ai post che esprimesse divertimento. E la questione, paradossalmente, è più seria di quanto si possa pensare, parola del Chief Product Officer di Linkedin, Tomer Cohen, che afferma che “ridere è un lavoro serio”: «One of the top requests we got was for a laughing emoji reaction. We hear you loud & clear and we agree. Humor is indeed a serious business».

Questa per la piattaforma è una svolta netta: i post ipercontrollati, letti, riletti e corretti, i tone of voice ufficiosi e trionfali e i commenti ossequiosi, verranno sciolti e contrastati con la spontaneità delle risate! Però c’è già chi si preoccupa, perchè teme che su Linkedin presto si dovrà fare lo slalom tra la ‘fuffa’ di contenuti prodotti ‘solo’ per ottenere engagement a partire dalle risate strappate agli utenti. 

Ma noi, noi non ci preoccupiamo affatto. Ridere è importante e con wolleY, il lato ironico del carattere di Yellow, ne abbiamo fatto un lavoro. E poi grazie a questa nuova piccola rivoluzione di Linkedin, finalmente si sta facendo largo l’idea che ridere sul lavoro sia fondamentale, e noi ne siamo più convinti che mai. La guida ufficiale della piattaforma, infatti, descrive così la nuova reaction funny: “Esprime che il post ti ha fatto ridere, ti ha fatto sentire umoristico o ha offerto divertimento spensierato in un contesto professionale”.

Cosa c’è di male al “sentirsi umoristici” e “provare divertimento spensierato in un contesto professionale” distaccandoci per un istante dal ‘ruolo‘ che ricopriamo in ufficio? Qui ridere diventa uno strumento potentissimo perchè annulla le distanze gerarchiche, permette una relazione umana e genuina con i colleghi, predispone un clima sereno in cui sarà ancora più facile confrontarsi ed esprimere la propria creatività.

E se poi le aziende riescono a diffondere la risata anche all’esterno, con un pizzico di Ironic Selling Proposition, questa diventerà ancora più efficace e contagiosa

Si possono strappare sorrisi mostrando piccoli momenti di backstage aziendali, come fa Yellow sui Social, svelando i classici tormentoni d’agenzia, come fa Agenzia Stanca, o piccole verità che ci accomunano tutti ma nessuno ha mai il coraggio di rivelare, oppure con Gag e video ironici, come fa wolleY!

di Matilde Vitale